Dopo 40 anni lo spam è ancora l’arma più usata dagli hacker. Lo evidenzia una nuova ricerca che mette in luce come ai Cyber criminali basta aggiungere pochi nuovi trucchi a questo classico metodo di attacco.

Lo spam via e-mail è ancora una volta la scelta più comune per l’invio di virus malevoli.

Tra i campioni di spam rilevati nella primavera del 2018, il 46% riguardava truffe relative ad appuntamenti online, il 23% e-mail con allegati malevoli e il 31% conteneva link a siti web malevoli.